Archivio

Archive for marzo 2012

Mostra fotografica – Early Days of Spring, di Alfredo D’Amato

28 marzo 2012 Lascia un commento

immagine tratta dal sito della galleria http://www.openmindgallery.it

Gli amici di Open Mind vi invitano tutti alla nuova mostra con le fotografie di Alfredo DAmato sul tema della primavera araba in Tunisia.

Open Mind Gallery è in Via Dante, 12 – 20121 Milano (Italy)

Orari:
Lunedi 15:30 – 19:00
Martedi a Sabato 10:00 – 13:00 / 15:30 – 19:00
Domenica e Lunedi mattina chiuso

Annunci

E’ primavera: si risveglia la fotografia analogica

21 marzo 2012 Lascia un commento

Quale momento migliore per iniziare o tornare a scattare in analogico?
Quale periodo migliore per sviluppare i propri rullini?
La temperatura è giusta, le giornate si allungano e la vita torna a risvegliarsi dopo l’inverno.
Raccolgo un po’ di idee per i novizi della fotografia analogica.

La tecnica di sviluppo:  logistica, preparazione dei prodotti chimici, preparare il rullino, lo sviluppo, l’archiviazione.
Sviluppo e salute:  è pericoloso sviluppare, come si conservano i chimici
La scelta della macchina fotogrfica: il formato, come controllare una macchina usata, come controllare un obiettivo.

Buon divertimento!

Mostra fotografica – Vietato! – Galleria Belvedere

20 marzo 2012 Lascia un commento

immagine tratta dal sito milanodabere.it

Alla Galleria Belvedere, fino al 14 aprile, potete visitare questa interessante mostra di vari fotografi  italiani incentrata sul tema della censura, da cui il titolo Vietato!

La Galleria è in via Santa Maria Valle 5, Milano.
Orari: da martedì a sabato, ore 15-19, ingresso libero

Mostra fotografica – I Demoni, di Ivo Saglietti

20 marzo 2012 Lascia un commento

immagine tratta dal sito della mostra http://www.centrosanfedele.net

Alla Galleria San Fedele potete (anzi dovete in questo caso) visitare la mostra del fotografo Ivo Saglietti che racconta i fatti e la storia del massacro di Srebrenica del luglio del ’95.
Alle porte di casa nostra, senza che nessuno muovesse un dito, vengono uccise 8000 persone. Lui è li e fotografa tutto.

Galleria San Fedele è in via Hoepli 3
Orari: da martedì a sabato: dalle ore 16.00 alle ore 19.00

Sviluppare a casa – parte 5: la gestione del negativo sviluppato

16 marzo 2012 4 commenti

Finalmente avete sviluppato il vostro negativo ed ora lo tenete tra le mani. Che fare ora?
I passaggi di solito sono 3: asciugatura, taglio e archiviazione

Asciugatura
Il negativo deve essere messo a sgocciolare in posizione verticale, quindi attaccando un’estremità ad un qualsiasi appiglio che gli permetta di non toccare terra e/o venire in contatto con qualsiasi oggetto e polvere.
Tenete presente che il negativo bagnato è appiccicoso in modo impressionante ed attira la polvere come lo swiffer.
Personalmente mi approprio dello sgabuzzino e appendo il negativo ad un ometto di metallo (sì, proprio quello su cui appendete le camicie) con una molletta di plastica. Il negativo messo in questa posizione comincerà a gocciolare, quindi mettete per terra uno straccio.
Alcuni, prima di appendere il negativo, lo passano con delle pinze speciali che tolgono la maggior parte dell’acqua.

immagine tratta dal sito http://gianmariaveronese.com, dove è presente anche una guida allo sviluppo

Il mio consiglio è di NON usarle. Se le pinze sono sporche o la gomma rovinata, vi righeranno il negativo.
Esistono in commercio degli armadietti speciali per appendere il negativo ad asciugare in modo che non prenda polvere. Si possono anche autocostruire ma per mia esperienza, ci deve essere veramente molta polvere in sospensione per incidere sul risultato finale.
Sicuramente non deve esserci circolo d’aria, che spinge la polvere ad alzarsi.
Altro appunto importante: non serve riscaldare il negativo per farlo asciugare. Quindi assolutamente NO phon e NO termosifoni.
Il caldo fa arricciare e piegare il negativo!
Nel giro di qualche ora il negativo sarà asciutto. Se sono evidenti delle macchie bianche, probabilmente residui di calcare, consiglio di rilavare il negativo con acqua distillata ed imbibente. Non forzate la mano e siate il più delicati possibile quando lo lavate, in modo da non rigarlo.

Taglio
Se siete pignoli maneggiate il negativo usando dei guanti per evitare di lasciare tracce di grasso: queste sono molto più visibili della polvere.
Prendete una forbice e tagliate della lunghezza del portanegativi in acetato che DOVETE avere sottomano.
Solitamente per il 35mm sono 4 esposizioni, per il 120 sono 3.

Archiviazione
Il negativo tagliato va inserito nella custodia di acetato, e poi riposto in luogo asciutto e mai esposto al sole.
Se il negativo è molto incurvato potete “pressarlo” quando è nell’acetato, appoggiandolo ad una superficie piana e mettendoci sopra dei libri. Non esagerate troppo col peso.

Ora siete pronti per stampare o scannerizzare il negativo!

Sviluppare a casa – parte 4: lo sviluppo del negativo

13 marzo 2012 2 commenti

Avete fatto un sacco di preparativi, vi siete presi una mezz’oretta di distacco dal mondo e siete pronti a sviluppare il vostro primo negativo.
Prima di fare qualsiasi cosa dovete misurare la temperatura dello sviluppo. Lo sviluppo e il tempo relativo è calcolato sulla temperatura media di 20C°. Si può sviluppare sopra o sotto questa temperatura, con un massimo di differenza di 2 gradi.
Il cambiamento di temperatura comporta anche un cambiamento nei tempi. Usate l’app o il sito Massive Dev Chart per capire come varia il tempo di sviluppo.
Se la temperatura è meno di 18 gradi o superiore ai 22, bisogna riscaldare il chimico (immergendolo in acqua tiepida per qualche minuto) oppure passarlo in frigorifero.

Checklist di controllo di quello che dovete avere sotto mano:

  • tank caricata
  • bottiglie dei chimici + imbibente
  • caraffa graduata (una o più)
  • imbuto
  • termometro
  • cronometro o app dedicata
  • strofinaccio
  • disponibilità di acqua corrente e scarico (il WC non è male)

Lo sviluppo è suddiviso in 6 fasi: sviluppo, stop, fissaggio, lavaggio, imbibente e estrazione.
Non spaventatevi per la lista sotto, è la descrizione passo passo (quindi prolissa) del processo.

Fase 1: Sviluppo

  • misurate la temperatura e calcolo il tempo di sviluppo
  • prendete la tank e la bottiglia dello sviluppo
  • fate partire il timer e in contemporanea versate velocemente tutto il liquido nella tank
  • chiudete la tank con il tappo a tenuta stagna e cominciate le inversioni. L’nversione implica che la tank vada a testa in giù. Il movimente deve essere veloce, con circa un’inversione ogni 2 secondi.
  • dopo le prime 2 inversioni bisogna dare un colpo secco al fondo della tank, picchiandola di piatto. Non siate timidi. Il colpo deve proprio essere ben assestato, per “staccare” le bollicine d’aria che si sono formate sulla pellicola ed impediscono al liquido di sviluppo di fare il suo lavoro. E’ fondamentale riuscire a fare questa azione nei primi 10 secondi dal versamento del liquido di sviluppo.
  • continuate le inversioni fino a che non scade il primo minuto
  • raddrizzate la tank
  • colpo secco sul fondo
  • inversioni per 10 secondi
  • colpo secco
  • 50 secondi di riposo. Significa che non dovete proprio toccare la tank, ma lasciarla a riposare appoggiata da qualche parte
  • 5 secondi prima che scatti il secondo minuto riprendete la tank in mano
  • inversioni per 10 secondi
  • colpo secco
  • 50 secondi di riposo. E così via per i minuti di sviluppo che avete calcolato
  • 10 secondi prima dello scadere del timer stappate e cominciate a svuotare la tank. Vi consiglio di svuotarla in una caraffa e non nella bottiglia perchè farlo velocemente è complicato e bisogna rispettare assolutamente i tempi

Fase 2: Stop

  • svuotata la tank si riempie con il liquido di stop, e si tappa
  • 60 secondi di inversioni
  • appoggiate la tank. Ci possiamo prendere un attimo di respiro. Lo stop non è pericoloso per il negativo come lo sviluppo
  • svuotate la caraffa piena di liquido di sviluppo nella bottiglia utilizzando l’imbuto
  • sciacquate la caraffa
  • sciacquate l’imbuto
  • stappate la tank e versate lo stop nella sua bottiglia utilizzando l’imbuto
  • lavate l’imbuto
  • se uno ha a disposizione più caraffe può accelerare lo svuotamento dello stop e lavare le caraffe alla fine

Fase 3: Fissaggio

  • prendete la bottiglia del fissaggio
  • fate partire il timer e versate il liquido nella tank.
  • tappate la tank
  • dopo le prime 2 inversioni bisogna dare un colpo secco al fondo della tank
  • continuate le inversioni per tutto il primo minuto
  • colpo secco
  • lasciate riposare per un minuto
  • dieci secondi di inversioni
  • colpo secco
  • avanti così fino allo scadere del tempo di fissaggio (di solito 5 minuti)
  • dieci secondi prima dello scadere del timer, stappate la tank e versate il liquido di fissaggio nella bottiglia con l’imbuto
  • lavate l’imbuto

Fase 4: Lavaggio

  • riempite la tank di acqua (il massimo sarebbe di acqua distillata)
  • tappate ed eseguite 10 inversioni
  • svuotate nel WC
  • riempite nuovamente con acqua
  • tappate ed eseguite 20 inversioni
  • svuotate nel WC
  • riempite nuovamente con acqua
  • tappate ed eseguite 20 inversioni
  • svuotate nel WC
  • se proprio siete dei perfezionisti lasciate la tank sotto acqua corrente per 10 minuti e poi svuotate

Fase 5: Imbibente

  • staccate il tappo a tenuta di luce della tank e posatelo da una parte
  • vedrete sul fondo della tank la spirale col vostro negativo sviluppato
  • riempite la tank d’acqua fino a ricoprire la spirale
  • fate cadere nell’acqua 1 o 2 gocce di imbibente e con il dito fate fare due o tre giri alla spirale
  • lasciate riposare per due minuti
  • svuotate nel WC
  • riempite la tank di acqua per un’ultima volta, date un paio di giri alla spirale
  • svuotate nel WC

Fase 6: Estrazione

  • estraete la spirale dalla tank
  • prendendo la spirale tra le due mani, giratela gentilmente in modo da farla aprire
  • il negativo rimarrà attaccato ad una delle due parti della spirale
  • gentilmente staccate il negativo dalla spirale
  • prendete un’estremità del negativo sviluppato e lasciate che si srotoli. Attenzione che il rullino può essere molto lungo, anche più di un metro, quindi evitate di farlo toccare terra
  • mettete ad asciugare il negativo

Lavate la tank, i tappi, caraffe, spirale e imbuti con acqua corrente e mettete tutto ad asciugare (non asciugateli con strofinacci o carta assorbente perchè lasciano polvere).
Ora dovete solo aspettare che sia asciutto il negativo!

In coda vi lascio alcuni videotutorial che possono chiarirvi un po’ i passaggi

Mostra fotografica – Identita’ e Mito, fotografie di Alberto Korda

13 marzo 2012 Lascia un commento

Un fotografo che corre nella storia, quella cubana e della sua rivoluzione.
I suoi miti e soprattutto il Che, con le fotografie immortali e riprodotte ovunque dell’uomo-rivoluzione che diventa immagine di marketing di un’idea. Fino al 24 marzo

Galleria Ca’ di Fra’
Via Carlo Farini, 2 – Milano
Orari: Lunedì-Venerdì 10.00-13.00/15.00-19.00